Scuole sicure: la ventilazione meccanica è una possibilità?

Daikin Applied Europe ha recentemente preso parte alla trasmissione televisiva di La7 Piazzapulita, offrendo il suo contributo perché l’importanza della ventilazione meccanica negli ambienti chiusi non passi inosservata.

Il tema della discussione è stato quello della qualità dell’aria negli edifici scolastici italiani e dell’impiego di tecnologie di ventilazione meccanica controllata come strumento di prevenzione della diffusione del virus SARS-CoV-2.

 

La qualità dell’aria nelle scuole ha ricevuto una crescente attenzione negli ultimi anni.

Già prima della diffusione del Coronavirus, diversi studi europei sulla salute respiratoria dei bambini (*, **) avevano evidenziato come, nella maggior parte dei paesi europei, i valori di PM10, ovvero di inquinanti, nonché di virus e batteri, fossero significativamente superiori rispetto alla soglia di concentrazione di particolato considerata accettabile per gli ambienti esterni (***), mettendo in luce come l’aria all’interno delle scuole fosse ben più inquinata di quella all’esterno.

 

 

Nella tabella vengono riportati i livelli medi di concentrazione di particolato rilevati nell’arco di 1 giorno nelle aule di vari paesi europei. La linea rossa a 50 μg·m -3 rappresenta il valore massimo giornaliero consentito in UE per ambienti esterni.

I paesi europei indicati nella tabella riportano concentrazioni medie di particolato all’interno delle scuole significativamente superiori rispetto al valore massimo giornaliero consentito in UE per gli ambienti esterni.

 

L’inquinamento dell’aria interna nelle scuole dipende spesso dalla scarsa qualità costruttiva degli edifici, dalla scarsa manutenzione, scarsa pulizia e, soprattutto, della mancanza di ricambio dell’aria.

Ciò fa sì che nelle scuole ci siano spesso livelli elevati di CO2, batteri, muffe, particolato e virus, che potrebbero essere praticamente abbattuti grazie alla ventilazione.

“Se cominciamo ad immettere aria pulita nell’ambiente, questa pian piano comincia a prendere spazio a quella viziata, che viene portata fuori. Attraverso un moto continuo di questo processo abbiamo aria sempre pulita nell’edificio”, spiega l’Amministratore Delegato di Daikin Applied Europe – Claudio Capozio.

A testimoniare la validità della ventilazione meccanica c’è il caso di Vò Euganeo in provincia di Padova, dove la ventilazione meccanica ha effettivamente migliorato le condizioni di salute degli occupanti della struttura nelle aree in cui la ventilazione meccanica è prevista.

A Vò Euganeo, il SARS-CoV-2 non contagia gli alunni grazie ad un sistema VMC (Ventilazione Meccanica Controllata) che consente il ricambio dell’aria ogni 20 minuti, con conseguente abbattimento della carica virale fino al 99% nel caso in cui un positivo fosse presente nell’edificio.

Qui il servizio trasmesso da Piazzapulita che documenta il caso della scuola di Vò Euganeo

 

 

L’esposizione a inquinanti atmosferici, virus e batteri, aumenta esponenzialmente negli ambienti chiusi, dove le impurità possono essere da 2 a 5 volte più concentrate rispetto agli ambienti esterni. Le scuole, come dimostrato, non sfuggono a questa tendenza.

È altrettanto chiaro che un sistema di ventilazione meccanica ben progettato, in grado di garantire il corretto ricambio d’aria negli ambienti interni, può essere molto importante per ridurre la diffusione dei virus e migliorare la salute di chi passa gran parte della giornata negli ambienti scolastici.

L’immissione di aria pulita e la contemporanea estrazione dell’aria esausta aiuta a purificare l’aria interna, riducendo quindi la possibilità di infezione tra gli occupanti di un edificio.

La ventilazione meccanica, inoltre, consente tutto ciò senza che vengano generate perdite di calore nell’edificio, cosa che invece accade nell’aerazione con finestre aperte, ad esempio.

I sistemi di VMC, infatti, riescono a recuperare il calore dall’aria esausta grazie alla presenza di scambiatori di calore. Questi trasmettono il calore dell’aria viziata in uscita all’aria pulita che verrà immessa nell’edificio, senza che possa avvenire contaminazione alcuna tra i due flussi d’aria; consentendo quindi, oltre al ricambio dell’aria, una migliore efficienza energetica dell’edificio e minori emissioni di CO2.

 

La conclusione a cui sono giunti gli esperti, è che i sistemi di ventilazione contribuiscono a ridurre la concentrazione di impurità, batteri e virus nell’aria, incluso il SARS-CoV-2. Ciò ha un impatto positivo sulla salute delle persone e riduce fortemente il rischio di infezioni, facendo dei sistemi di ventilazione meccanica una risorsa importante nella battaglia alla diffusione del Coronavirus e quindi una misura di prevenzione assolutamente valida.

 

Bibliografia

 

* RESEARCH: School Environment and Respiratory Health of Children; HESE: Health Effects of School Environment.

** Indoor Air Pollution in Schools (https://www.researchgate.net/publication/281360322_The_EFA_project_Indoor_air_quality_in_European_schools)

*** https://www.eea.europa.eu/data-and-maps/figures/particulate-matter-pm10-daily-limit-value-for-the-protection-of-human-health-6

 

Per maggiori informazioni sulle soluzioni di Daikin per la ventilazione meccanica, contattaci tramite il form che trovi di seguito.

 

 

Contattaci

  • * per l’invio a mezzo di posta elettronica della newsletter relativa a comunicazioni informative, promozionali e/o pubblicitarie sul business di Daikin Applied Europe S.p.A.